Home » Blog »

Definizione di Marketing Ambientale

Autore

Cristian Perinelli

Consulente marketing per Micro-imprese e Startup

Esperto in analisi dei dati, Campagne pubblicitarie Meta e Google, Posizionamento nei Motori di Ricerca e Sviluppo Siti Web

Scrivania agenzia di comunicazione Green Marketing

Indice

Cos’è il Marketing Ambientale?

Il marketing ambientale è il processo di sviluppo di un piano marketing incentrato sull’ambiente.

Una delle tematiche più interessanti e discusse negli ultimi anni è sicuramente quella legata alla sostenibilità ambientale: sempre più aziende si stanno mobilitando affinché i prodotti possano essere quanto più eco-sostenibili possibili, mantenendo le stesse funzionalità di prodotti meno sostenibili.

Le campagne di sensibilizzazione sono però spesso utilizzate come trampolino di lancio per ottenere visibilità, ma è solo marketing oppure tali piani gestionali hanno un riscontro reale sull’utenza e l’ambiente?

Affinché si possa comprendere il significato di marketing ambientale è opportuno fare un passo indietro e ricordare che il green marketing abbraccia nella propria filosofia di pensiero tutte le tipologie di marketing legate al mondo dell’ambiente e dell’etica, quindi della sostenibilità in generale.

Il marketing ambientale include strategie che possano migliorare le condizioni ambientali e sono quindi attuate per sensibilizzare l’uomo verso un cambiamento di stile di vita, il quanto più vicino possibile alla sostenibilità ad emissioni zero.

La nomenclatura di marketing ambientale si rivolge in particolar modo a tutte quelle azioni legate al mondo dell’ambiente ed alla sua salvaguardia.

Indica la vendita sul mercato di prodotti ecologicamente preferibili rispetto ad altri della stessa tipologia, ed è facilmente intuibile che questa espressione sia molto eclettica e che possa abbracciare differenti attività, siano queste collegate alla produzione del prodotto, al suo processo di imballaggio, o alla pubblicità.

I materiali utilizzati ed il processo di produzione sono gli elementi chiave e devono essere particolarmente votati al riciclo ed alla possibilità di essere stati pensati per un fine eco-sostenibile.

A differenza del marketing sostenibile il marketing ambientale si concentra sull’impatto ambientale e non sull’aspetto sociale.

Il ruolo delle aziende nel marketing ambientale

Sebbene nel corso del tempo siano state delineate delle regole su come gestire il marketing ambientale e più in generale il green marketing, la gestione delle politiche di sensibilizzazione è gestita autonomamente dalle grandi aziende.

È importante quindi capire quale sia il rapporto che lega le aziende al concetto di marketing ambientale. Le aziende dovrebbero pianificare una strategia capace, attraverso campagne pubblicitarie e azioni concrete, di invogliare l’utenza nello scegliere un prodotto/servizio che abbia un ridotto impatto ambientale.

Il ruolo delle aziende non può certamente essere solo quello di sensibilizzare il consumatore, il loro obiettivo rimane sempre quello di ricavarne un profitto; le aziende hanno intuito quanto sia potenzialmente importante il marketing ambientale e come questo possa risultare un trampolino di lancio ed una vetrina perfetta per esporre il proprio brand ed avvicinarlo ad un’idea di esclusività e sostenibilità.

Da qui nascono nuovi problemi, tra cui il famigerato greenwashing.

Se da un punto di vista commerciale le aziende hanno compreso quanto sia utile puntare sul marketing ambientale (e soprattutto sulla comunicazione green), da un punto di vista ideologico il concetto può variare a seconda di come questa informazione viene utilizzata.

Spesso la forza economico-comunicativa delle grandi aziende sovrasta la realtà dei fatti, vediamo e vedremo sempre più spesso le grandi multinazionali parlare di sostenibilità a sproposito, senza mostrare azioni concrete, o mostrando “piccole azioni” come l’uso di materiali riciclati.

Vi sono però molte aziende che, attraverso campagne promozionali, investimenti in materiali eco-sostenibili e/o processi produttivi innovativi, provano ad educare e sensibilizzare i consumatori.

Il vero perno di tutto il processo restano loro, i consumatori.

Sebbene sia un’ottima idea quella di impiegare materiali naturali e convertire l’energia fossile con nuove tecnologie rinnovabili, la differenza resta nelle mani del consumatore finale e della sua “etica ambientale”: maggiore sarà la richiesta di prodotti ecologici, maggiori saranno gli sforzi delle aziende in questa direzione.

Il marketing ambientale deve avvicinare il consumatore ad uno stile di vita in cui l’ambiente e la sostenibilità diventino normalità, ma affinché questo possa accadere, per migliorare non solo la condizione del pianeta ma anche la propria, è fondamentale che le persone si pongano nella condizione di mutamento personale.

FINE

Condividi

La prima consulenza è gratuita!
Raccontaci il tuo progetto

Cliccando sul pulsante INVIA RICHIESTA acconsento all’utilizzo dei miei dati nel sistema di archiviazione secondo quanto stabilito dal regolamento europeo per la protezione dei dati personali n. 679/2016, GDPR e dichiaro di aver letto l’ informativa sulla Privacy

WhatsApp

+39 340 82 15 366

Secured By miniOrange