Home » Blog »

L’Oreal realizza la prima bottiglia realizzata con emissioni di carbonio

Autore

Cristian Perinelli

Consulente marketing per Micro-imprese e Startup

Esperto in analisi dei dati, Campagne pubblicitarie Meta e Google, Posizionamento nei Motori di Ricerca e Sviluppo Siti Web

La bottiglia di l'Oreal realizzata con emissioni di carbonio

Indice

Rifiuti di carbonio per realizzare una bottiglia

l gigante dei cosmetici L’Oréal ha collaborato con LanzaTech e TotalEnergies per creare un imballaggio in polietilene ad alta densità (HDPE), realizzato con rifiuti di carbonio dalle emissioni.

L’Oréal ha compiuto diversi grandi passi avanti per portare a termine i propri impegni di sostenibilità L’Oréal for the Future 2030. Il prototipo è in lavorazione dal 2016.

La partnership di L’Oréal con LanzaTech e TotalEnergies segna una prima mondiale sotto forma di una bottiglia di plastica prodotta con emissioni industriali di carbonio.

Brice Andre, Global Director Sustainable Packaging and Development per l’azienda, ha dichiarato: “Per raggiungere gli obiettivi del programma L’Oréal for the Future in termini di packaging sostenibile, L’Oréal sta lavorando con una serie di partner strategici, dandogli accesso a le migliori tecnologie”.

Non si tratta solo di raggiungere i propri obiettivi di sostenibilità. Andre ha anche affermato che la facilità d’uso da parte del consumatore e la qualità rimangono altrettanto importanti.

I nostri team conducono prima uno scouting attivo in tutto il mondo di tecnologie emergenti nuove o migliorate che ci consentono di trovare alternative alla plastica vergine o di ridurne l’uso. I nostri reparti di imballaggio e design analizzano quindi queste opzioni per qualità, robustezza ed esperienza del consumatore“, ha spiegato.

Il processo CarbonSmart™ di LanzaTech funziona catturando i rifiuti di carbonio e convertendoli in nuovi prodotti attraverso la fermentazione del gas.

Freya Burton, Chief Sustainability and People Officer di LanzaTech ha spiegato: “Se pensi alla fermentazione tradizionale, usi zuccheri e lievito per produrre alcol. In realtà facciamo la stessa cosa, ma invece di usare gli zuccheri, prendiamo il carbonio di scarto in forma gassosa, come il monossido di carbonio o l’anidride carbonica, per esempio, e poi, al posto del lievito, abbiamo un batterio intelligente che converte il carbonio nel gas in etanolo”.

FINE

Condividi

La prima consulenza è gratuita!
Raccontaci il tuo progetto

Cliccando sul pulsante INVIA RICHIESTA acconsento all’utilizzo dei miei dati nel sistema di archiviazione secondo quanto stabilito dal regolamento europeo per la protezione dei dati personali n. 679/2016, GDPR e dichiaro di aver letto l’ informativa sulla Privacy

WhatsApp

+39 340 82 15 366

Secured By miniOrange