Home » Blog »

Ikea vuole eliminare la plastica negli imballaggi entro il 2028

Autore

Cristian Perinelli

Consulente marketing per Micro-imprese e Startup

Esperto in analisi dei dati, Campagne pubblicitarie Meta e Google, Posizionamento nei Motori di Ricerca e Sviluppo Siti Web

Una donna con carrello cammina nel magazzino di Ikea tra gli imballaggi

Indice

Rimuovere la plastica negli imballaggi di Ikea

Il gigante del mobile IKEA si è impegnato a eliminare gradualmente gli imballaggi in plastica entro il 2028. Con questa mossa, l’azienda mira a ridurre i rifiuti di plastica e a sviluppare soluzioni di imballaggio basate su materiali rinnovabili. L’eliminazione avverrà gradualmente, a partire da una gamma completamente nuova entro il 2025.

Il modello di business di IKEA prevede l’imballaggio come componente principale e l’azienda sta cercando di concentrarsi su convenienza, sostenibilità e manipolazione sicura. Per affrontare i problemi dello spreco di plastica e dell’inquinamento, l’azienda ha già compiuto uno sforzo rigoroso per ridurre la quantità di plastica utilizzata nelle soluzioni di imballaggio.

Attualmente, meno del 10% del volume totale di materiale da imballaggio utilizzato annualmente da IKEA è costituito da plastica. Nel colmare il divario rimanente rimuovendo la plastica dalle soluzioni di imballaggio dei consumatori, l’azienda mira a continuare il movimento verso l’utilizzo solo di materiali rispettosi dell’ambiente.

Erik Olsen, Packaging & Identification Manager presso IKEA of Sweden afferma che “l’eliminazione graduale della plastica negli imballaggi di consumo è il prossimo grande passo nel nostro viaggio per rendere le soluzioni di imballaggio più sostenibili e supportare l’impegno generale per ridurre l’inquinamento da plastica e sviluppare imballaggi da materiali rinnovabili e riciclati

Il cambiamento avverrà progressivamente nei prossimi anni e si concentrerà principalmente sulla carta poiché è sia riciclabile, rinnovabile e ampiamente riciclata in tutto il mondo

IKEA spende circa oltre un miliardo di euro per circa 9.20.000 tonnellate di materiale da imballaggio. Questo è solo su base annuale. L’abbandono della plastica negli imballaggi di consumo richiederà non solo una stretta collaborazione con i team di sviluppo del prodotto, ma anche nuove soluzioni ingegneristiche.

Gli imballaggi in plastica potrebbero rimanere in alcune parti della gamma alimentare IKEA, soprattutto per mantenere il cibo in modo più sicuro ed efficiente, ma proverranno comunque da fonti rinnovabili o riciclate.

L’ingegnosità fa parte del patrimonio IKEA e l’imballaggio non è affatto un’eccezione in questo senso. L’abbandono della plastica sarà senza dubbio un compito impegnativo nei prossimi anni. Con questo movimento miriamo a stimolare l’innovazione del packaging e utilizzare le nostre dimensioni e la nostra portata per avere un impatto positivo sull’industria più ampia al di là della nostra catena di approvvigionamento“, afferma Maja Kjellberg, Packaging Development Leader presso IKEA of Sweden.

FINE

Condividi

La prima consulenza è gratuita!
Raccontaci il tuo progetto

Cliccando sul pulsante INVIA RICHIESTA acconsento all’utilizzo dei miei dati nel sistema di archiviazione secondo quanto stabilito dal regolamento europeo per la protezione dei dati personali n. 679/2016, GDPR e dichiaro di aver letto l’ informativa sulla Privacy

WhatsApp

+39 340 82 15 366

Secured By miniOrange