Home » Blog »

I funghi che imitano il grasso animale

Autore

Cristian Perinelli

Consulente marketing per Micro-imprese e Startup

Esperto in analisi dei dati, Campagne pubblicitarie Meta e Google, Posizionamento nei Motori di Ricerca e Sviluppo Siti Web

Primo piano di un fungo rosso

Indice

Da un’azienda svedese l’invenzione

L’azienda svedese di tecnologia alimentare Mycorena ha sviluppato il primo ingrediente a base di funghi che imita i grassi animali.

La consistenza e il comportamento di cottura dell’ingrediente di Mycorena sono più vicini a quelli del grasso animale rispetto a qualsiasi altra alternativa a base vegetale sul mercato.

Contiene grassi, proteine ​​e fibre di micelio, una struttura filiforme che si trova nelle specie di funghi. La componente dei funghi aggiunge un’integrità strutturale che manca ad altri grassi vegani come il grasso di cocco.

Sebbene l’ingrediente sia prodotto utilizzando una tecnologia proprietaria, la tecnologia alimentare dei funghi attinge a pratiche secolari.

Il successo del grasso animale è sfuggito a lungo alla cucina vegana. Quando riscaldati, i grassi animali si ossidano per rilasciare nuovi composti aromatici complessi. Al contrario, gli oli a base vegetale perdono gli acidi grassi volatili e i composti aromatici che conferiscono un profilo aromatico unico alle proteine ​​animali.

Mycorena è un’azienda di tecnologia alimentare fondata nel 2017 e attualmente conta 28 dipendenti. L’azienda è guidata dai principi dell’economia circolare e sta attualmente lavorando per quantificare gli impatti ambientali del proprio processo produttivo.

Nel giugno 2021, Mycorena ha completato il round di finanziamento raccogliendo 77 milioni di corone svedesi (9 milioni di dollari). VEOS Group, un fornitore belga di proteine, è stato l’investitore principale. Hanno contribuito anche FBG Invest e Bånt AB, i due maggiori azionisti di Mycorena.

Questo investimento finanzierà un nuovo impianto di produzione a Falkenberg, in Svezia. La nuova struttura punta a entrare in funzione entro il 2022. L’obiettivo è produrre “diverse migliaia di tonnellate” di proteine ​​fungine all’anno. Mycorena aumenterà anche la produzione nel suo impianto pilota esistente a Göteborg.

Mycorena concentra le sue vendite nei paesi nordici, ma prevede di espandersi nel mercato dell’UE, dove è già certificata per la vendita. Successivamente, stanno guardando gli Stati Uniti, il Regno Unito e alcuni paesi asiatici. Sono in procinto di ottenere certificazioni internazionali per i loro prodotti.

La biotecnologia dei funghi è un settore in crescita i cui prodotti hanno acquisito centinaia di brevetti dagli anni ’90 in più settori. Oltre ad essere una fonte proteica alternativa, i funghi hanno anche applicazioni nel trattamento delle acque reflue e nel controllo biologico dei parassiti.

FINE

Condividi

La prima consulenza è gratuita!
Raccontaci il tuo progetto

Cliccando sul pulsante INVIA RICHIESTA acconsento all’utilizzo dei miei dati nel sistema di archiviazione secondo quanto stabilito dal regolamento europeo per la protezione dei dati personali n. 679/2016, GDPR e dichiaro di aver letto l’ informativa sulla Privacy

WhatsApp

+39 340 82 15 366

Secured By miniOrange